DIAVOLO D’UN REGISTA!

Fratello Coladan 6 Gen 2016

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

RIDLEY SCOTT:  DIAVOLO D’UN REGISTA!

[/vc_column_text][vc_separator color=”custom” border_width=”4″ accent_color=”#dd3333″][vc_column_text]

Quando guardiamo un film spesso diamo tutto il merito al regista, immaginando che sia solo suo il merito di avere realizzato un capolavoro; ma siamo sicuri che sia sempre così?

Nella nostra valutazione dimentichiamo che oltre al regista ci sono decine di persone che lavorano nell’ombra e che non sempre sono trattate in modo giusto dai registi, non ci credete? Provate a chiedere alla troupe che ha lavorato con Ridely Scott per Blade Runner!

Lavorare con Scott è universalmente riconosciuto come uno dei metodi di accesso al paradiso, visto il carattere non proprio amabile del regista inglese. Sul set di Blade Runner, Scott prese a male parole praticamente tutti, al punto che in un’intervista ad un tabloid sostenne che solo le maestranze britanniche meritassero considerazione, perchè rispettano il regista limitandosi a rispondere “Yes. Gov’nor”.

[/vc_column_text][vc_single_image image=”12804″ img_size=”full” alignment=”center”][vc_column_text]

L’intervista non fu gradita dal team di Blade Runner, che accolse Scott con magliette con la dedica “Yes, Gov’nor my ass!”, cui il simpatico e giocoso (forse quando dorme) Scott rispose con un’altrettanto gioiosa dedica a mezzo maglietta “Xenophobia sucks!”. Il clima di amicizia, rispetto e reciproca stima che contraddistinse il set portò alcuni membri della crew a ribattezzare il film Blood Runner!

[/vc_column_text][vc_single_image image=”12801″ img_size=”full” alignment=”center”][vc_column_text]

Siete ancora convinti che un grande film sia solo merito del regista, o forse la pazienza della troupe è un’altra chiave di lettura del successo di certe pellicole?

Seguiteci per altre Nerd Pills!

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento