FILM PER TUTTI: I MIGLIORI FILM SULL’OLOCAUSTO

Olocausto, uno dei più brutti momenti della storia dell'uomo, ecco una serie di film che potresti vedere in merito ad esso

Fabrizio Gallo 27 Gen 2017

La tragedia dell’Olocausto non dovrebbe mai essere dimenticata, questo è stato il motivo dietro la realizzazione di innumerevoli opere d’arte e monumenti, dai dipinti viscerali raffiguranti la vita nei campi di concentramento alla poesia rivelatrice dei disagi subiti. Qui, diamo uno sguardo ad una delle forme d’arte più prolifiche ad aver mai commemorato l’Olocausto: il film.

N.B.: la lista è rigorosamente non in ordine di preferenza

Requisiti Top 10: film sull’ Olocausto

1- IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE (2008)

Il bambino con il pigiama a righe è una storia vista attraverso gli occhi innocenti di Bruno, un bambino di otto anni figlio del comandante di un campo di concentramento, che stringe un legame di amicizia con un ragazzo ebreo dall’altra parte della recinzione del campo. Il film è basato sul romanzo omonimo dello scrittore irlandese John Boyne. Si tratta di un bellissimo film che ci mostra l’innocenza dell’infanzia in contrasto con le crudeltà della guerra che ci divide in un mondo adulto.


2- IL PIANISTA (2002)

Il pianista, diretto da Roman Polanski e interpretato da Adrien Brody, è un film sul musicista polacco-ebreo Wladyslaw Szpilman, che lotta per sopravvivere alla distruzione del ghetto di Varsavia durante la Seconda Guerra Mondiale. Questo film acclamato dalla critica ha vinto tre Oscar, Palma d’Oro e tanti altri importanti premi. È una tappa obbligata per chiunque sia interessato alla rappresentazione della Shoah nel cinema.


3- SCHINDLER’S LIST (1993)

Racconta i cambiamenti morali dell’imprenditore Oskar Schindler, questo film memorabile ha ottenuto innumerevoli premi e riconoscimenti a seguito della sua uscita nel 1993. La storia è sofferenza e speranza, mettendo il male oscuro e straziante della figura di Amon Goeth contro il coinvolgimento emotivo del protagonista, interpretato qui fantasticamente da Liam Neeson.


4- LA VITA È BELLA (1997)

Questo film dell’attore e regista Roberto Benigni combina gli elementi della tragedia e della commedia al fine di rivelare la realtà dell’Olocausto. Benigni interpreta se stesso Guido Oreficev un ebreo proprietario di una libreria che deve usare la sua immaginazione per proteggere suo figlio dagli orrori di un campo di concentramento nazista. Una curiosa amalgama di risate e momenti che fanno riflettere.


5- IL FALSARIO (2007)

Il falsario è un film sull’ Operazione Bernhard, la più grande operazione di contraffazione della storia, condotta dalla Germania durante la seconda guerra mondiale. Si tratta di un piano segreto dalla Germania nazista per destabilizzare il Regno Unito inondando la sua economia di banconote false da £5, £10, £20 e £50. I falsi avrebbero dovuto far aumentare l’inflazione e quindi distruggere il sistema economico e finanziario del nemico.. Il film è basato su un libro di memorie scritto da Adolf Burger, tipografo ebreo slovacco che è stato imprigionato nel 1942 per aver realizzato certificati di battesimo falsi nel tentativo di salvare gli ebrei dalla deportazione, successivamente fu internato in un campo di concentramento per lavorare sull’ Operazione Bernhard.


6- EUROPA EUROPA (1990)

Questo film, diretto dal regista polacco Agnieszka Holland, si basa sull’autobiografia del 1989 di Solomon Perel, un ragazzo ebreo tedesco scampato all’Olocausto mascherato da una élite “ariana” tedesca. (Perel appare anche brevemente come se stesso nel finale del film). Nel complesso, si racconta una storia brillante e meritatamente ha vinto il Golden Globe come miglior film in lingua straniera.


7- LA SCELTA DI SOPHIE (1982)

Questo film, interpretato da una giovane Meryl Streep (che ha vinto un Oscar come miglior attrice per questa interpretazione), parla di un’immigrata polacca di nome Sophie che condivide una pensione a Brooklyn con il suo fidanzato, Nathan, e un giovane scrittore, Stingo. Sembrano condurre una vita felice e spensierata, ma come il film va avanti i flashback del passato riportano i ricordi orribili di Sophie ad un campo di concentramento nazista e le scelte difficili fatte per sopravvivere.


8- DIVISI SI PERDE (2000)

divisi si perde film olocausto

Divisi si perde è un film diretto dal regista ceco Jan Hřebejk. Ha ottenuto una nomination per l’Academy Award come miglior film in lingua straniera. Il film racconta la storia di una coppia senza figli nella Germania nazista che accetta di nascondere un amico ebreo rischiando la propria stessa vita. Il film è uno sguardo complesso verso la seconda guerra mondiale e l’olocausto.


9- L’UOMO DEL BANCO DEI PEGNI (1964)

Questo film racconta la storia dell’ebreo Sol Nazerman, vittima della persecuzione nazista che vide la propria famiglia torturata e uccisa in un campo di concentramento. Perde completamente la fede verso i propri simili e vive una vita amara e senza amici, intorpidito dagli orrori del passato, realizzando la tragedia delle sue azioni troppo tardi. Il film è stato tratto dal romanzo omonimo di Edward Lewis Wallant.


10- IL DIARIO DI ANNA FRANK (1959)

Questa storia straziante si basa sull’iconico diario personale della giovane ebrea Anna Frank (noto come Diario di Anna Frank), che, insieme alla sua famiglia ed amici, è stata costretta a nascondersi in una soffitta in una Amsterdam occupata dai nazisti. Il diario è stato pubblicato dopo la fine della guerra dal padre, Otto Frank, unico superstite della famiglia. Il diario di Anna Frank è un altro film che ritrae brillantemente la triste speranza di una bambina innocente in contrasto con gli orrori e la disumanità della guerra.


Aspetto qualche vostro commento qui sotto! Ci vediamo alla prossima puntata di “Film per tutti”, la rubrica di Nerdgate che parla di cinema, ma in modo diverso! Un saluto da Morlock.