Il Guggenheim Museum di New York ha iniziato a regalare libri d’arte

Il Guggenheim Museum ha reso gratuito il download di tantissimi cataloghi di artisti famosi, da Paul Klee e Mark Rothko

Marcello Mars Mariano 26 Lug 2020

Il Guggenheim Museum di New York ha iniziato a regalare libri d’arte

Si potranno scaricare, a breve, più di 200 libri d’arte, qui il link, per accedere ai titoli disponibili attualmente grazie al Guggenheim Museum di New York, forse il museo d’arte moderna e contemporanea più importante al mondo, che ha digitalizzato tutto e messo a disposizione in formato Pdf ed ePub.

Volete altro materiale gratuito? Continuate a leggere! Intanto, ecco a voi 100.000 LIBRI SULLA STORIA DELL’ARTE IN DOWNLOAD GRATUITO!

Il museo, fondato nel 1937, sorge sulla quinta strada al numero 89 di New York, ed è stato realizzato da Frank Lloyd Wright, venendo considerato anche tra le più importanti architetture del XX secolo.

Vi piacciono gli impressionisti? Cliccate qui!

Inizialmente definito Museum of Non-Objective Painting (Museo della pittura non-oggettiva), il Guggenheim Museum nasce per esporre avanguardie artistiche in via di imposizione, come l’astrattismo di Kandinskij e Mondrian.

Siete fan di Frida? Ecco a voi!

L’edificio viene considerato uno degli ultimo grandi lavori di Wright, e ricorda un grande nastro bianco che si avvolge intorno ad un cilindro, creando un curioso contrasto con i grattacieli di Manhattan che lo circondano. La spirale ricorda uno Ziggurat rovesciato – strutture religiose della Mesopotamia – e per questo l’architetto lo definiva Taruggiz. La spirale ha una componente simbolica importante, oltre ad esser un palindromo, che rappresenta l’infinito non che si ripete, ma che prosegue, come una torre di Babele al contrario, con il valore di voler riunire i popoli (ricordate sempre il mito della torre di Babele) con la cultura, esatto contrario della vicenda Biblica.

Amanti di antiche stampe giapponesi? Proseguite per questo link.

Il miglior libro sulla storia dell’arte in circolazione oggi? Outsiders. Storie di artisti geniali che non troverete nei manuali di storia dell’arte.


Tag:

Lascia un commento