IL KARMA DEL PINOLO

LIBRI

IL KARMA DEL PINOLO: MILLE SFUMATURE IN UNA MANCIATA DI PAGINE

Devo confessare che nel prendere in mano Il karma del pinolo ero inizialmente scettico. Per me Luigi Cecchi era solo Bigio, autore di uno dei migliori fumetti italiani attualmente in circolazione, e non riuscivo proprio a immaginarlo in un’altra veste; in Drizzit non mancano le trovate geniali, ma avevo comunque l’impressione che passare da un fumetto ad un libro fosse un bel salto.

Poi ho avuto la fortuna di poter fare due parole con Bigio durante Albenga Dreams (se vi siete persi l’intervista la trovate qui), e ho scoperto che mi ero fermato ai suoi fumetti, mentre questo personaggio presenta diverse sfaccettature!

Il Karma del pinolo è l’incarnazione del Luigi Cecchi scrittore, ed è stata per me una vera sorpresa!

Nel libro edito da Del Vecchio non troviamo una sola storia, ma tanti racconti brevi che spaziano per vari generi, passando dalla fantascienza al giallo, senza paura, ma sempre con una propria identità che consente all’autore di presentarci delle short stories capaci di tenerci incollati sino all’ultima pagina.

CECCHI È RIUSCITO A CREARE UNA STUPENDA ALCHIMIA FRA REALE E SURREALE, PORTANDO IL LETTORE IN UN MONDO NUOVO MA CON FORTI RICHIAMI ALLA QUOTIDIANITÀ

Personalmente non sono stato mai un grande lettore per quanto riguarda le raccolte di racconti, ma il modo in cui Cecchi è riuscito a trattare il tema del fantastico mi ha rapito.

L’alchimia che l’autore ha creato tra realtà e surreale è incredibile, riesce a infrangere quella barriera che solitamente divide i due universi; in diversi racconti l’elemento irreale è talmente insito nella storia che diventa reale, il lettore fatica a scindere i due elementi e viene portato in un mondo nuovo, che prende però vita dalla nostra quotidianità.

il karma del pinolo

L’espediente di usare nomi e marchi noti, presi dalla vita di ogni giorno, non è un becero product placement, ma uno strumento geniale per collocare i personaggi e le atmosfere dei racconti in una dimensione tangibile, facendoci sentire parte integrante della storia.

Prendete il viaggio di don Oreste verso l’ufficio postale in La fila alla posta , i dettagli con cui ci viene presentata la macchina o la descrizione della vita di un piccolo paese che fa da contorno alla sua vicenda, sono coinvolgenti, vitali, riuscivo ad immaginarmi la Renault del prete che arrancava nella calura estiva.

Se leggete Casimiro sarà difficile non immedesimarsi nella povera signora Franca, con tutte le asperità della vita che la accompagnano, e la latente invidia per chi invece ha ancora tutta una vita davanti e con la strada apparentemente spianata; è il racconto che ho trovato più reale e umano, il ritratto di una persona sfortunata contrapposta a chi invece ha fortuna da vendere,

uno specchio di personaggi reali che incontriamo ogni giorno nella nostra vita. Nei ben diciassette racconti incontreremo alieni, angeli e serial killer insospettabili, le nostre emozioni saranno sempre stimolate, passando dal divertimento all’inquietudine, senza dimenticare la tenerezza e la malinconia.

Non siamo di fronte ad un autore alle prime armi, Cecchi ha inserito in questa raccolta due racconti (Gen-Art e Studenti) che hanno ricevuto dei riconoscimenti, e L’apriscatole è comparso sulle pagine di Nuova Prosa. L’autore denota uno stile di scrittura molto easy, ti accompagna per la storia guidandoti gentilmente, lasciando che nelle parole dei personaggi compaiano gli indizi che possono darti l’illuminazione per capire quale sia il nocciolo della trama; non ci sono fronzoli nelle sue frasi, è diretto, ma riesce a trovare sempre lo spazio per l’ironia, come fosse una terapia necessaria per vincere non solo l’irreale ma anche certe gabbie quotidiane fin troppo reali. Il suo modo di trattare il fantastico mi ha ricordato in parte Buzzati (specialmente in Studenti), ma mantiene una sua identità, anche se nel caso de L’analista il suo stile surreale mi ha lasciato perplesso (ma si tratta comunque di gusti personali).

Sicuramente Il Karma del pinolo è un qualcosa di nuovo, di interessante e che merita di esser letto; pur sfiorando a volta la dimensione fiabesca, mantiene un tono maturo che lo rende adatto ad un pubblico più adulto, anche quando i protagonisti sono dei bambini.

Se state cercando una lettura diversa, un libro che vi sappia emozionare e catturare nelle sue pagine, correte in libreria, il titolo che fa per voi è Il karma del pinolo!

Il karma del pinolo è un libro sorprendente, che unisce umorismo e surreale alla quotidianità, a volte virando verso il comico ed altre preferendo un tinta più cupa; la scrittura di Luigi Cecchi è rapida, pulita e senza fronzoli, riuscendo a catturare il lettore con i suoi racconti! MERAVIGLIOSO

SCHEDA LIBRO


  • USCITA: Settembre 2015
  • GENERE: Antologia
  • AUTORE: Luigi Cecchi
  • EDITORE ITALIANO: Del Vecchio Editore
pagina Nerdgate il portale nerd

TOP 10 LIBRI

No items found.

Good

  • Tante storie in un solo libro
  • Reale e surreale in perfetta sintonia

Bad

  • Alcuni racconti possono lasciare perplessi se non piace l'assurdo
8

Ottimo

Inviato Speciale e Nerd di alto lignaggio, le sue prime parole sono state “spazio, ultima frontiera”; ha indagato nei misteri della galassia con R. Daneel Oliwav e cavalcato vermi delle sabbie su Dune, salvo poi venire arruolato nella Flotta Stellare e arrivare là dove nessun uomo è mai giunto prima. Esperto di Warhammer 40k, Star Trek e Star Wars,appassionato di rpg, rts e fps, vi mostrerà cose che voi nerd non potreste immaginare.
Average User Rating
9
1 vote
Rate
Submit
Your Rating
0

Lost Password

Sign Up