NATHAN NEVER MAGAZINE n 1

FUMETTI

L’ALMANACCO DELLA FANTASCIENZA CAMBIA PELLE, MA AVRA’ CONSERVATO LA SUA ANIMA?

La rivoluzione in casa Bonelli ha raggiunto anche il nostro agente Alfa, trasformando l’annuale Almanacco della Fantascienza nel nuovo Nathan Never Magazine, assorbendolo nella collana bimestrale dei Magazine Bonelli.

A scanso di equivoci lo dico subito: mi manca la vecchia versione. Questo nuovo formato conserva ancora l’idea di offrire oltre ai fumetti degli articoli di approfondimento, ma col passaggio alla nuova veste grafica sembra aver perso la propria identità. Se precendetemente assistevamo ad una netta divisione dei settori trattati, in questa seconda vita lo speciale annuale viene impostato diversamente; all’inizio troviamo sempre i resoconti della produzione dell’anno in fatto di fantascienza, sia cartacea che al cinema, lasciando nella seconda parte del volume i dossier di approfondimento su tematiche care alla fantascienza.


ALLA BONELLI HANNO VOLUTO CAMBIARE LA FORMULA DEGLI ALMANACCHI E ALMENO NEL CASO DI QUELLO DELLA FANTASCIENZA LA SCELTA NON E’ STATA DELLE MIGLIORI!


La faccia inquieta di Nathan Never sembra rispecchiare quella dei lettori

La vera innovazione sta nel non avere più una singola storia di Nathan Never, ma quattro brevi storielle (tutte a colori) che si vanno a frapporre ai vari articoli; l’intento è probabilmente quello di snellire la lettura dell’albo, ma personalmente ho trovato che il presentare quattro storie porti la redazione a presentare dei racconti non all’altezza. Va inoltre precisato che solo il primo, Lone Star, è inedito, mentre gli altri sono già comparsi, e La Sfida è stato un albo extra allegata ad uno dei primi Speciali di Nathan Never (Fantasmi a Venezia, del 1999); anche gli articoli presenti nel Magazine, solitamente gradevoli e ben realizzati, sembrano sottotono, quasi questo volume sia stato realizzato più per consuetudine che non per offrire un valido prodotto.

Nel complesso questo Nathan Never Magazine rappresenta più un acquisto sentimentale, fatto per dovere di collezione e in memoria del rimpianto Almanacco; la speranza è che si trovi di fronte a un piccolo scivolone, un comprensibile errore nel percorso intrapreso dalla Bonelli per dare nuova alla linfa alla sua produzione.

Prendere un volume storico come l'Almanacco della Fantascienza e stravolgerlo è un atto scriteriato che rischia di allontanare anche i lettori più affezionati. Inserire al posto della storia inedita quattro episodi di cui tre già pubblicati ha il sapore di una presa in giro, e da al volume un senso di approssimazione che non si sposa col prezzo richiesto al lettore. TRADIMENTO

4

Insufficente

Inviato Speciale e Nerd di alto lignaggio, le sue prime parole sono state “spazio, ultima frontiera”; ha indagato nei misteri della galassia con R. Daneel Oliwav e cavalcato vermi delle sabbie su Dune, salvo poi venire arruolato nella Flotta Stellare e arrivare là dove nessun uomo è mai giunto prima. Esperto di Warhammer 40k, Star Trek e Star Wars,appassionato di rpg, rts e fps, vi mostrerà cose che voi nerd non potreste immaginare.
Average User Rating
1
1 vote
Rate
Submit
Your Rating
0

Lost Password

Sign Up