STAR TREK ONLINE – Recensione

VIDEOGAMES

STAR TREK ONLINE: LA, DOVE NESSUNA CONSOLE È MAI GIUNTA PRIMA

Se sei un fan di Star Trek e un possessore di console, negli ultimi anni non è che il panorama videoludico, per quanto riguarda il famoso brand fantascientifico, sia molto variegato. L’ultimo titolo Star Trek che mi ricordo di aver giocato su una console è forse Star Trek Legacy, nel 2006 su Xbox 360. Finora, la maggior parte dei tItoli, come ad esempio Starfleet Academy, veniva sviluppata solo su PC. Dopo una lunga attesa, finalmente, anche le console potranno andare la, dove nessuno è mai giunto prima, e potranno farlo grazie a Star Trek Online! Il gioco uscì originariamente per PC nel 2010. Solo quest’anno è stato convertito per PS4 (la versione che sto recensendo) e Xbox ONE, per essere poi pubblicato come free-to-play. Esatto, lo si può scaricare completamente gratis dagli store dedicati e, come tale, non richiede neppure l’abbonamento Plus per il gioco online. Ovviamente, se si vuole, sono disponibili svariati pacchetti aggiuntivi a pagamento, ma nulla di indispensabile o , in qualche modo, cruciale.

Star Trek Online è un MMORPG, dove il giocatore è chiamato a scegliere tra una delle tre fazioni disponibili, la Flotta Stellare, l’Impero Klingon o l’Impero Romulano. Inoltre, in base alla fazione scelta, potremo scegliere anche la specifica razza del nostro personaggio (non sapevo che l’Impero Klingon fosse così multiculturale, lol) o, se proprio non troviamo nulla che si avvicina ai nostri gusti, crearne una ex novo.


IN STAR TREK ONLINE, AVREMO UN VERO E PROPRIO UNIVERSO DA ESPLORARE.


Con il nostro personaggio nuovo di zecca, dovremo subito affrontare un lungo prologo-tutorial, per prendere confidenza con le meccaniche del gioco, che sono sostanzialmente di due tipi: quando si è a terra, e si controlla direttamente il proprio PG, e quando si è al timone della propria astronave. Certo, poteva forse un gioco della serie Star Trek lasciarci senza astronavi? Ovviamente no!

A livello di ambientazione e contenuti, STO è davvero vasto. La versione console ha beneficiato dell’immenso background che si è venuto a creare sul gioco per PC in 6 lunghi anni di attività. Quindi le cose da fare, e i posti da esplorare sono davvero tantissimi. Molte volte, ci troveremo anche faccia a faccia con qualche personaggio famoso, direttamente dalle serie TV. L’universo in cui ci muoveremo è posto, nella timeline, qualche anno dopo la rottura dell’alleanza tra Federazione e Impero Klingon e l’inizio di una nuova Guerra (neppure tanto) Fredda tra le due potenze. Nel mezzo, subdoli come sempre, si aggirano i Romulani. Se dovessi, per quello che ho visto finora, paragonare l’atmosfera di STO a una qualche serie, sarei più propenso a Deep Space 9, molto più tesa e meno utopistica di The Next Generations. Qui, signori miei, si fanno cantare spesso phaser e disgregatori! Questa estrema attitudine al combattimento, sia in superficie che tra astronavi, è uno dei punti a sfavore del gioco. Vista la situazione corrente, con le potenze pronte a scannarsi tra di loro, i Borg incombenti e un sacco di altre minacce, più o meno serie, il ricorso frequente alle armi potrebbe essere anche giustificato però, secondo me, snatura un po’ l’ambientazione.

Dal punto di vista tecnico, nonostante sembri ottimizzato al meglio, grafica e gameplay risentono un po’ degli anni, di più nelle sezioni a terra che in quelle spaziali. Nulla di grave comunque ma, chi è abituato solo alla grafica delle current gen, potrebbe storcere il naso. Sia personaggio che astronavi (perché andando avanti ci verrà dato il comando anche di vascelli più moderni e potenti) sono molto customizzabili. Possiamo studiarci la build del nostro comandante come preferiamo, prediligendo gli avanzamenti tattici, piuttosto che ingegneristici o scientifici, o fare un mix bilanciati di tutti e tre. Allo stesso modo possiamo personalizzare la nostra nave con migliorie ai nuclei curvatura, banchi phaser più potenti e scanner più performanti. E per ultimo, ma non di sicuro meno importante, viene il nostro equipaggio. Gli ufficiali che ci saranno accanto in plancia o che ci accompagneranno in uno sbarco, crescono con noi e migliorano in continuo, apprendendo abilità e competenze a seconda delle missioni in cui li coinvolgiamo. Possiamo anche reclutarne di nuovi, durante le nostre peregrinazioni siderali, alcuni anche con capacità uniche!

Per concludere, Star Trek Online è un ottimo gioco, non eccelso o privo di difetti, ma sicuramente con molto fascino. Decisamente indicato a chi, pur amando Star Trek, è disposto a passare sopra a piccole discrepanze, soprattutto in fatto di “atmosfera”. E poi, è gratis!

Alla prossima Gaters, io torno sulla plancia del mio Bird of Prey Klingon! #Staytuned!

Star Trek Online è un ottimo MMORPG. Pur risentendo dell'età per quanto riguarda la grafica e di alcune forzature per quanto riguarda l'ambientazione, rimane un titolo godibilissimo e appassionante. Sicuramente poteva essere ottimizzato ancora meglio ma, in soldoni, rimane un gioco da avere e provare, soprattutto se si è fans. E il fatto di essere Free-to-Play, aggiunge valore alla cosa!

SCHEDA GIOCO

  • RILASCIATO: Settembre 2016
  • GENERE: MMORPG
  • SVILUPPATORE: Cryptic Studios
  • PUBLISHER: Perfect World Entertainment
  • PIATTAFORMA: Playstation 4, XBox ONE
pagina Nerdgate il portale nerd

TOP 10 VIDEOGIOCHI DEL MESE

SEGUICI SU FEEDLY

follow us in feedly

Good

  • Enorme e pieno di cose da fare
  • Ottima personalizzazione del personaggio e della nave
  • Missioni interessanti
  • Free-to-Play

Bad

  • Grafica datata
  • Atmosfera, alle volte, sforzata
7

Buono

Classe 1979. Scrivo di videogiochi, fumetti e lifestyle. Ma anche di gdr, telefilm, film e cose. Soprattutto cose!
Average User Rating
0
0 votes
Rate
Submit
Your Rating
0

Lost Password