AGENZIA INVESTIGATIVA CARLO LORENZINI stagione 2

FUMETTI

AGENZIA INVESTIGATIVA CARLO LORENZINI: IL RITORNO DI PINOCCHIO!

Leggere il seguito di un fumetto che ci appassiona è sempre una bella sensazione. Se poi aggiungete che il protagonista e i personaggi che lo circondano sono i fedeli compagni della nostra infanzia, quelle figure che abbiamo imparato a leggere su libri considerati dei sempreverde o che hanno goduto il momento di gloria di un film Disney che ne ha tentato di raccontare il mito in una nuova veste. Manfont ha scelto di cimentarsi con questa sfida, ma scegliendo una strada personale, non riscrivendo le storie che abbiamo conosciuto, ma immaginando come sarebbero potuti vivere nel mondo reale, considerando sempre tutto il loro vissuto letterario. Il primo capitolo di  Agenzia Investigativa Carlo Lorenzini, è stato una piacevole rivelazione.

TRASFORMARE PERSONAGGI DELLA LETTERATURA IN ESSERI REALI, CON PROBLEMI E DIFFICOLTÀ COMUNI È LA TROVATA GENIALE DI UN TEAM CREATIVO CHE STA REGALANDO AI LETTORI DELLE STORIE STUPENDE!

L’idea alla base è che i personaggi letterari prendano vita, riescano a vivere nel nostro mondo, a patto di rispettare un corpus di regole che impedisca loro di interferire con la realtà di noi normali. A guardia di questo patto è stato messo un particolare guardiano, tale Carlo Lorenzini. In realtà dietro questo pseudonimo si nasconde il celebre Pinocchio, che, dopo aver scelto come nome quello del proprio autore, è incaricato di acciuffare quei personaggi letterari che si sottraggono alle regole della convivenza. Se ci pensate, è curioso come uno dei personaggi che solitamente viene additato come un cattivo esempio per i bambini venga usato come uno strumento dell’ordine, quasi che si sia deciso di mostrare come il suo percorso di vita nelle pagine scritte da Collodi abbia dato una nuova caratura alla figura di Pinocchio.

Se nel primo volume abbiamo apprezzato la crescita morale di Carlo, in questa seconda serie di storie va evidenziato il lavoro spettacolare che è stato fatto sui personaggi che ruotano intorno all’investigatore.

La presenza di determinate figure letterarie è utile per inquadrare meglio l’animo di Carlo, ma questo è possibile solo se il comprimario della storia ha una dimensione definita, un’identità chiara che sia in grado di trasmettere al lettore.

Prendete L’ombra che ci accompagna. La storia vede Carlo che si ritrova con un vecchio amico, Peter, quel Peter, l’eterno bambino che non vuole crescere; nella prima parte della storia, vediamo i due amici conversare amabilmente, sfogarsi e farsi forza a vicenda, ma il vero fulcro della trama coincide con il dolore di Carlo, il dover far fronte al suo dovere, il guardare in faccia un amico e doverlo trattare come uno dei tanti trasgressori con cui ha a che fare, sapendo che responsabilità e amicizia sono in contrasto. Ma quanto può un uomo resistere nel fare il proprio lavoro, affrontare la responsabilità di punire anche un amico all’occorrenza? Carlo lo scopre ora, dovendo ammettere il fallimento nell’aiutare il suo amico, forse anche chiedersi se l’averlo protetto sia stata la scelta giusta. Non è solo la trama a darci la sensazione di tutta la tensione e la sofferenza, le tavole riescono a donarci appieno la gravità della situazione, grazie alle espressioni dei personaggi, ma soprattutto il dualismo di Peter è reso dalla sua ombra, da come quest’ultima reagisce in modo diverso dalle espressioni dell’uomo.

agenzia-investigativa-lorenzini-stagione-2_4

Agenzia Investigativa Carlo Lorenzini si spinge oltre, analizza i personaggi nella loro natura più intima, si interroga su come un nuovo mondo e una nuova vita possa concedere a figure letterarie una nuova identità.

Leggendo Chi arriva nella notte scura… e …a bussare alla mia porta? mi sono trovato un filo spiazzato. Protagonista della storia è il capitano Nemo, ora barista di un locale in cui il nostro Carlo si concede un drink ogni tanto; al centro della storia una presunta gelosia di tale Foroneo (in realtà il mostro di Frankenstein) che non tollera il rapporto affettuoso tra Nemo e Pippi Langstorm (la celebre Pippi Calzelunghe). L’occasione di questa storia permette a Manfredi Toraldo di affrontare un tema molto attuale, la visione della donna nella società moderna, usando i personaggi per trasmettere un messaggio forte, deciso. Ma la mia curiosità si è focalizzata sua un dettaglio: Nemo è gay. Appassionato del personaggio mi sono ricordato come uno dei motivi della sua ribellione fosse la morte della propria famiglia, il momento in cui Dakkar recide i contatti con il mondo e diventa Nemo. Spiazzato da questa scelta, mi sono rivolto direttamente a Manfredi Toraldo; con cortesia, l’autore mi ha spiegato la sua posizione, che vi riporto:

“In realtà l’ho sempre pensato. Leggendo i libri originali (Ventimila leghe sotto i mari e L’isola misteriosa) spesso Nemo parla male delle donne, un po’ è il periodo storico in cui si situa, un po’ sembra incoerente perché comunque le ammira in alcuni casi, quindi mi è venuto naturale dargli questa interpretazione nella mia storia. Poi, sono molto legato a queste tematiche e ci tengo a dare voce a personaggi importanti anche in relazione alle tematiche LGBT.”

Oltre ad apprezzare la gentilezza dell’autore, questa risposta denota anche come dietro la trama di ogni storia, per quanto corta posso apparirci, ci sia un lavoro di approfondimento sull’opera originale, con una voglia di indagare l’animo dei personaggi, vedendo come un diverso contesto sociale possa mostrarci una nuova visione di loro.

agenzia-investigativa-lorenzini-stagione-2_3

Il cast di creativi di Agenzia Investigativa Carlo Lorenzini ha dato nuovamente prova di essere in grado di dare nuova linfa al fumetto italiano, con un’idea accattivante (Manfredi Toraldo e Luca Baino) resa graficamente alla perfezione (Jacopo Tagliascacchi e Andrea Broccardo) e con una colorazione peculiare che ben si sposa con lo stile delle storie (Giorgia Lanza e Carlotta Greco).

A seguito di questa seconda stagione delle avventure di Carlo, è nata una nuova serie di avvetnure che sono state distribuite su Facebook; la speranza è che opere come Agenzia Investigativa Carlo Lorenzini riescano a trovare il meritato successo, magari come strumento per incuriosire giovani appassionati di fumetti a ritrovare anche il gusto di leggere i grandi classici della letteratura.

SCHEDA FUMETTO


  • USCITA: 2016
  • SOGGETTO E SCENEGGIATURA: Manfredi Toraldo, Luca Baino
  • DISEGNI:  Jacopo Tagliasacchi. Andrea Broccardo
  • COPERTINA: Elisabetta Barletta, Giorgia Lanza
  • COLORI E CHINE: Giorgia Lanza, Carlotta Greco
  • CASA EDITRICE: Manfont
pagina Nerdgate il portale nerd

TOP 10 FUMETTI

7.5

Buono

Inviato Speciale e Nerd di alto lignaggio, le sue prime parole sono state “spazio, ultima frontiera”; ha indagato nei misteri della galassia con R. Daneel Oliwav e cavalcato vermi delle sabbie su Dune, salvo poi venire arruolato nella Flotta Stellare e arrivare là dove nessun uomo è mai giunto prima. Esperto di Warhammer 40k, Star Trek e Star Wars,appassionato di rpg, rts e fps, vi mostrerà cose che voi nerd non potreste immaginare.
Average User Rating
0
0 votes
Rate
Submit
Your Rating
0

Lost Password