Alien: Covenant – Recensione

FILM

ALIEN: COVENANT – IL MIGLIORE DAI TEMPI DI JAMES CAMERON

Siamo davanti al sequel di Prometheus e al prequel della trilogia Alien. Alien Covenant di Ridley Scott, come il titolo allude, condivide molto con la prima parte del titolo, è un blockbuster di fantascienza autosufficiente che prospera nella sua semplicistica premessa. Dopo averci iniettato una bella dose di nozioni con l’ambiziosa narrativa mitologica di Prometheus, il regista Ridley Scott con Alien Covenant si concentra sui piaceri più semplici, e il film di conseguenza ne beneficia notevolmente. Mancano delle scene che rimarranno nella leggenda, non vedrete niente che corrisponde allo stomaco esplosivo di John Hurt o al cesareo fatto in casa di Noomi Rapace, ma Alien Covenant mantiene la sua promessa agli appassionati dell’horror. È spaventoso, elegante, c’è suspance ed è intelligente. Non ci sono lunghi discorsi filosofici, ma Scott trova un modo magnifico per collegare le trame dei suoi film. L’anno è il 2104, dieci anni dopo che il terribile androide David (Michael Fassbender), l’archeologo di Rapace sono partiti verso il pianeta dei misteriosi “ingegneri”.

Ora siamo in una nuova nave con una nuova squadra di sacrificabili. Il “sintetico” Walter (Fassbender) si trova ai comandi di una nave enorme, la Covenant. La sua destinazione è il pianeta Origae-6 con un carico composto da 2000 coloni ibernati, alcuni cassetti pieni di ghiaccio secco ed embrioni, più l’equipaggio della nave. Quando una “tempesta di ioni” che colpisce la nave, Walter, è costretto a svegliare l’equipaggio sette anni troppo presto. Senza stare a svelare troppo della trama possiamo dire che cambiano rotta arrivando su un remoto pianeta.


ALIEN COVENANT È ESATTAMENTE QUELLO CHE GLI APPASSIONATI VOLEVANO DA PROMETHEUS


Il film è girato dallo stesso uomo che ha dato inizio alla serie nel 1979, possiamo notare come Scott con questa ultima uscita sia davvero in ottima forma, mostrando quella stessa suspance distintiva che ha illuminato lo schermo in tutti gli sforzi passati all’interno di questo popolare franchising. La paura deriva dall’ignoto e dall’incapacità di comprendere gli antagonisti primari, amplificando il terrore poiché non abbiamo alcun barometro riguardo ciò che questi esseri extraterrestri sono capaci, sia fisicamente che psicologicamente. Il design delle creature è impressionante, in aggiunta ad un sound design brutale che accompagna in maniera eccellente ogni morso, goccia di sangue o lama che sembra entrarti direttamente nella carne.

alien covenant recensione

Fassbender, ancora una volta, ruba la scena con un’interpretazione gradevolmente sfumata, raffigurante due personaggi in questo caso (il ritorno di David e il nuovo Walter) con sottili modifiche al comportamento dei sintetici. Gli Androidi nella saga di Alien hanno sempre rappresentato una presenza sfuggente, perennemente inaffidabile, poiché non siamo in grado di capire mai se sono intrinsecamente buoni o cattivi e Fassbender mostra con facilità tale ambiguità. Nonostante i droidi e gli alieni che adornano questo paesaggio scuro e desolato, Alien: Covenant è fondato sul suo impegno verso l’umanità e le sequenze più emotive sono coinvolgenti, ben strutturate e interpretate.

Guarda anche: la nostra sezione dedicata ad Alien

Detto questo, mi sono davvero divertito guardando Alien: Covenant molto più di Prometheus, non voglio addentrarmi troppo nei motivi perchè rischierei di incappare in un sacco di spoiler che assolutamente non voglio includere in questa recensione per non rovinarvi la visione. Non c’è dubbio che gli aspetti più forti di Alien: Covenant siano le rappresentazioni di Waterston, McBride e Fassbender e, naturalmente, tutti gli incontri dell’equipaggio con Neomorfi e Xenomorfi presenti sul pianeta misterioso.

Effetti stupefacenti, suspense e due grandi prestazioni di Fassbender rendono questo film una degna aggiunta al franchising. Alien Covenant mantiene le sue promesse rivolte ai fan della saga, Ridley Scott potrebbe continuare a farlo per anni, e probabilmente lo farà.

SCHEDA FILM


  • RILASCIATO: 2017
  • GENERE: azione, thriller, fantascienza, horror
  • DURATA: 122 minuti
  • REGIA: Ridley Scott
  • SCENEGGIATURA: John Logan, Dante Harper
pagina Nerdgate il portale nerd

TOP 10 FILM

7

Buono

Amante di cinema sin dalla più tenera età, è cresciuto guardando ogni tipologia di film. I suoi generi preferiti sono horror, fantastico e fantascienza. Le pellicole che lo hanno segnato nel profondo sono Essi vivono, la Cosa, Aliens, Psycho, I guerrieri della notte. Appassionato di grafica e arti visive, colleziona manifesti a tema cinematografico.

4 Comments

  1. ho visto ieri sera il film. Una delusione unica.
    Per quanto abbia comunque apprezzato la sua estetica, l’assoluta assenza di tensione e paura mi ha lasciato davvero rattristato.
    All’uscita del cinema, io e mia moglie abbiamo trascorso il tempo del tragitto sino a casa ripensando a tutte le stupidaggini commesse dai personaggi, sono davvero tantissime.
    La CGI del film è MOLTO SOTTO le aspettative.
    Ammetto che l’hype per questo titolo era altissima ma non trovo altro modo che dimenticare questo brutto film e guardare nuovamente Alien a casa.

    risparmiate i soldi del biglietto.

    • Ti do perfettamente ragione! Personaggi senza un minimo di spessore o carisma poi…

    • Anche noi abbiamo riscontrato alcune cose che menzioni marco, rimane però a nostro parere una tappa obbligatoria per tutti gli amanti della saga, che poi possa piacere o no, è una cosa a parte e molto personale

  2. Sì, direi che non è malaccio. Mi piace come Scott sta percorrendo gli eventi con David, dove qui approfondisce meglio il perché ha fatto certe cose in passato. Devo dire che David non l’avevo per niente compreso in Prometheous, ma ora il quadro sta cominciando a schiarirsi. Molto classico suspense della saga di Alien, molto apprezzabile il viaggio della nuova colonia fino alla disavventura sul pianeta. Mi dispiace solo che Scott abbia “sostituto”, per pressione dei fans, in un modo così burrascoso lo xenomorfo con la storia degli Ingegneri. Ero curioso sui misteri che circondavano ‘sta razza creatrice della vita sulla Terra, ma pare proprio che Scott gli abbia tagliati fuori dai giochi perché non sono stati affatto apprezzati nel precedente film. Un’altra cosa che mi dà la smorfia è che sembra leggermente distaccarsi dalle rivelazioni o gli eventi avuti nei sequel del primo Alien; tipo nel 2 dove apprendiamo che lo xenomorfo è una specie aliena con uno schema molto simile alle ape con la loro Regina (così dato anche dagli affreschi sull’astronave in Prometheous), mentre qui sembra che lo xenomorfo non ha una tale origine. Per il resto è molto apprezzabile come film. Chissà se si continuerà davvero ora che la Fox è stata acquistata dalla Disney?!

Leave a Reply

Lost Password