Huawei P30 – la nostra prova

HUAWEI P30: IL NOSTRO TEST DEL TOP DI GAMMA TARGATO HUAWEI

Huawei ci ha permesso di provare il suo nuovo top di gamma, il P30. La variante provata è stata quella con 6 GB di RAM e 128 GB di storage.

CARATTERISTICHE TECNICHE:

  • PESO E DIMENSIONI: 149.1 x 71.4 x 7.5 mm , 165 grammi
  • MEMORIA INTERNA: 128 GB
  • RAM: 6 GB DDR4
  • CAMERA POSTERIORE:  3 sensori da 40 Mp + 16 Mp + 8 Mp (apertura focale F 1.8 + F 2.2 + F 2.4) – zoom ibrido 5X (video max: 4K 30fps)
  • CAMERA FRONTALE: 32 megapixel f/2
  • DISPLAY:   6,1 pollici AMOLED Full HD+ (1.080 x 2.340 pixel, 19:9), 442 ppi, Corning Gorilla Glass 6
  • CPU: Huawei HiSilicon Kirin 980 , 2x 2.6 GHz Cortex-A76 + 2x 1.92 GHz Cortex-A76 + 4x 1.8 GHz Cortex-A55
  • BATTERIA: 3.6500 mAh (Fast Charge 5V 4A)
  • SISTEMA OPERATIVO: Android

CONFEZIONE

  • Cavo usb di tipo C per la ricarica del cellulare o per connetterlo ad un PC.
  • Adattatore di ricarica veloce originale
  • Cuffie auricolari

ESTETICA

Huawei ci propone un modello completamente full screen, a differenza del P20 che presentava il tasto fisico centrale. Abbiamo di nuovo il notch, che però qua ha raggiunto dimensioni talmente piccole che risulterà irrilevante e non darà per nulla fastidio, anzi. Anche le cornici intorno al display sono state ridotte davvero tanto, mentre sul retro il vetro della scocca è intervallato solo dall’alloggiamento stretto e lungo della camera che risulta leggermente sporgente. Tutto sommato quindi un design minimale molto piacevole ala vista.

HARDWARE E PRESTAZIONI

Il telefono arriva sul mercato con Android 9.0 Pie e la EMUI 9.1 a bordo, la classica personalizzazione di Huawei che nel tempo abbiamo imparato a conoscere e sulla quale non mancano funzioni e possibilità per l’utente. Il chip di questo dispositivo è davvero incredibile, anche dopo un utilizzo intenso e sopratutto dopo l’uso simultaneo di più applicazioni riesce a non perdere neanche un colpo, zero lag, zero problemi legati alla batteria e sopratutto nessun calo delle prestazioni. Testandolo con giochi del calibro di Real Racing o Asphalt 9 si potrà vedere la sua massima potenza ed efficienza.

FOTO – VIDEO E COMPARTO MULTIMEDIALE

La fotocamera è molto buona, il telefono selezionerà automaticamente la modalità per scattare la foto nella migliore maniera e anche con poca illuminazione grazie alla modalità notturna si riuscirà ad ottenere un risultato più che buono.Tra le modalità di scatto del Huawei P30, c’è anche quella Super Macro. I risultati sono ottimi e i dettagli risulteranno sempre in primo piano. L’immancabile modalità panoramica rende la nostra foto molto nitida e i dettagli si vedranno anche con scarsa illuminazione, anche le foto e i video in 4K fanno il loro lavoro in maniera impeccabile. Complessivamente Huawei P30 è un ottimo smartphone per scattare le foto, le tre fotocamere a disposizione dell’utente, consentono una grande versatilità, mentre la qualità fotografica si conferma convincente in tutte le condizioni di scatto. Ottima anche la parte multimediale, per la quale si possono sfruttare l’ampio display, un potente speaker mono e la porta jack audio da 3,5 mm. Peccato solo che non venga utilizzata la capsula auricolare per una doppia uscita audio. Purtroppo un tasto dolente sono i video, dove si sente la mancanza di stabilizzazione ottica e la messa a fuoco ha qualche difficoltà.

Questo modello è uscito con altri due immancabili dispositivi, la versione più “economica” ovvero il P30 lite ed il P30 Pro.

 

 

In conclusione questo telefono è piaciuto molto, alla sua uscita costava circa 800 euro che era sicuramente una cifra troppo alta. Ora però lo si può trovare anche a 200 euro in meno, cifra molto più ragionevole visto la qualità-prezzo del prodotto.

8

Ottimo

Un ragazzo, classe 96, cresciuto con una grande passione per i videogiochi e il cinema, con in sottofondo “American Idiot” dei Green Day.

Leave a Reply

Lost Password