Il MITO DI INDIANA JONES pt. 1

Fratello Coladan 30 Mar 2016

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

IL MITO DI INDIANA JONES Pt.1

[/vc_column_text][vc_separator color=”custom” border_width=”4″ accent_color=”#dd3333″][vc_column_text]

Quando si parla di archeologia al cinema, tutti iniziano a fischiettare un certo motivetto (come fa anche il protagonista del videogames Serious Sam, quando entra in un tempio egizio) e la mente vola immediatamente al personaggio interpretato da Harrison Ford (ma anche da River Phoenix, Sean Patrick, Corey Carrier e George Hall nella serie TV Le avventure del giovane Indiana Jones). Pensare che il ruolo inizialmente era affidato a Tom Selleck che rifiutò per recitare nel ruolo di Thomas Magnum nell’omonima serie (salvo poi citare Indy nell’episodio Il segreto della caverna della serie Magnum P.I.); Harrison Ford ottenne il ruolo poco prima dell’inizio delle riprese, supportato da Spielberg ma un po’ meno da Lucas, dopo aver depennato dalla lista dei papabili archeologi attori come Nick Nolte, Kurt Russel, Jack Nicholson e Bill Murray. La nostra curiosità ci ha spinto a indagare sulle origini della figura di Indiana Jones, e ora vi sveliamo cosa abbiamo scoperto!

[/vc_column_text][vc_row_inner][vc_column_inner width=”1/2″][vc_single_image image=”17359″ img_size=”full” alignment=”center” style=”vc_box_outline”][/vc_column_inner][vc_column_inner width=”1/2″][vc_single_image image=”17358″ img_size=”full” alignment=”center” style=”vc_box_outline”][/vc_column_inner][/vc_row_inner][vc_column_text]

Inizialmente il nome del protagonista avrebbe dovuto essere Smith, ma il nome non convnise Spielberg, che convinse l’amico George Lucas a ribattezzare il personaggio Henry Walton Jones Junior, che prese il soprannome Indiana dal proprio cane (come scopriamo in Indiana Jones e l’ultima crociata). Ma la figura che ispirò il mito di Indiana Jones è un orgoglio nostrano, visto che Lucas modellò il suo personaggio sull’esploratore e archeologo italiano Giovanni Battista Belzoni (1778-1823), considerato uno dei più importanti egittologi grazie alle sue numerose scoperte nella Valle dei Re!

Ma anche la Disney ha indirettamente contribuito a rendere Indiana Jones un’icona del cinema. Ricordate la scena della sfera di roccia in Indiana Jones e i predatori dell’arca perduta? Ebbene, per creare questa storica sequenza pare che l’ispirazione sia arrivata dalla storia The seven cities of Cibola (in italiano tradotto come Zio Paperone e le sette città di Cibola) di Carl Banks, pubblicata su uno dei primi numeri della serie Uncle Scrooge (il nome americano di Zio Paperone) nel 1954!

[/vc_column_text][vc_single_image image=”17357″ img_size=”full” alignment=”center” style=”vc_box_outline”][vc_column_text]

Insomma, un’origine dignitosa, non come la famosa scena del duello tra Indy e l’arabo con la spada; nello script originale Ford e lo spadaccino avrebbero dovuto menarsi per bene, ma il nostro intrepido archeologo improvvisò la scena della pistola per non ammettere che anche lui come il resto della troupe (in una scena Sallah, interpretato da John Rhys-Davies, doveva chinarsi per essere giustiziato, ma venne tagliata perchè l’attore se la fece letteralmente addosso) aveva un bell’attacco di… mal di pancia!!

Seguiteci per altre nerd pills! (Vedi anche La continuazione: La nascita del mito di Indiana Jones parte seconda)

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento