MediEvil – Recensione

VIDEOGAMES

MEDIEVIL, BENTORNATI A GALLOWMERE

Dopo il successo dei remake dedicati a Crash e Spyro, torna sul mercato con una veste grafica rinnovata anche MediEvil, storico titolo PS1 del quale molti fan bramavano un ritorno in pompa magna; ma com’è stato tornare a Gallowmere?

CHI NON MUORE SI RIVEDE

La trama di MediEvil è indubbiamente semplice e figlia dei suoi tempi: il protagonista è Sir Daniel Fortesque, un eroico cavaliere che nella battaglia per difendere il re dall’attacco di Zarok perde la vita, riuscendo però a respingere il nemico; nonostante ciò, cento anni dopo il villain fa il suo ritorno e nel resuscitare un esercito di zombie finisce per resuscitare anche Sir Daniel che dovrà fermarlo una volta per tutte.

Come potrete immaginare non sarà la trama ciò che vi spingerà a proseguire nel corso dell’avventura, ma fortunatamente a compensare una storia semplice troviamo dei personaggi affascinanti, a partire dal protagonista (che può solo mugugnare) passando per i gargoyle dispensatori di consigli fino ad arrivare agli eroi, che nella sala a loro dedicata ci premieranno con armi e ricompense varie.
Per ottenere le ricompense nella sala degli eroi dovremo riempire il calice presente in ciascuno dei livelli del gioco, e per farlo sarà richiesto di uccidere quasi tutti i nemici; attenzione però, poiché il level-design vi richiederà spesso una ricerca di questi meticolosa, dato che i segreti non mancano e sono ben nascosti.

MediEvil

Dunque, cosa dovrebbe spingervi a tornare a Gallowmere? Innanzitutto, è evidente che l‘operazione di remake sia dedicata principalmente ai nostalgici che giocarono il titolo originale, considerato che dal punto di vista delle meccaniche e del gameplay MediEvil non è invecchiato troppo bene, a causa soprattutto di un combat-system rozzo ed impreciso, ma non per questo incapace di saper divertire.

Sì perché a compensare le hit-box imprecise ed una semplicità generale troviamo un gran numero di armi e nemici che riescono a donare una sana dose di varietà, che difficilmente attirerà nuovi utenti ma che indubbiamente farà sentire a casa chi giocò il titolo ai tempi dell’uscita.

GALLOWMERE 20 ANNI DOPO

Andiamo ora ad analizzare quello che è l’aspetto più importante di ogni remake che si rispetti: il comparto grafico.
Il lavoro svolto dai ragazzi di Other Ocean denota come ci abbiano messo passione e siano riusciti nel rispettare il materiale originale, senza stravolgere il design dei personaggi e dei luoghi riuscendo così a preservare quella magia che rende il capitolo originale intriso di un‘atmosfera unica, che strizza l’occhio a Nightmare Before Christmas e bilancia l’ironia con l’horror.
MediEvil

Graficamente parlando il titolo si attesta su buoni livelli, con texture dignitose ed una pulizia dell’immagine ottima, peccato che invece sul fronte del framerate il titolo spesso zoppichi, con qualche calo più vistoso in specifici livelli di gioco.
Il problema più grande in cui ci siamo imbattuti è indubbiamente la telecamera, che per quanto gli sviluppatori abbiano cercato di migliorarla risulta spesso difficile da gestire, finendo per incastrarsi nelle texture impedendoci di vedere i nemici o gli ostacoli da affrontare.

Il remake di MediEvil riesce nell'arduo compito di mantenere la magia che permea il titolo originale offrendoci al tempo stesso un comparto grafico al passo coi tempi, anche se non mancano problemi legati alla telecamera ed al framerate che minano in parte l'esperienza di gioco.

SCHEDA GIOCO

  • RILASCIATO: 25.10.2019
  • GENERE: Avventura, hack n’ slash
  • SVILUPPATORE: Other Ocean
  • PUBLISHER: Sony Interactive Entertainment
  • PIATTAFORMA: Playstation 4
pagina Nerdgate il portale nerd

TOP 10 VIDEOGIOCHI DEL MESE

SEGUICI SU FEEDLY

follow us in feedly

Good

  • La magia del gioco originale è stata preservata
  • Esplorazione piacevole
  • Direzione artistica

Bad

  • Telecamera difficile da gestire
  • Qualche calo di framerate
7.5

Buono

Classe 1996, nato con il joystick della Ps1 in mano avviando la carriera videoludica attraverso giochi del calibro di Spyro e Medievil. Amante di (quasi) tutto ciò che viene etichettato come “da nerd”, tenta ogni giorno una via di fuga dal mondo reale tramite videogiochi, film, fumetti e serie tv. Si sente segretamente Batman.
Average User Rating
7.1
7 votes
Rate
Submit
Your Rating
0

Leave a Reply

Lost Password